La storia nascosta degli asiatici in California

Un tempo ripudiati e vittime di attacchi organizzati, oggi gli asiatici americani in California crescono a dismisura insieme agli ispanici. Gli episodi di razzismo, tuttavia, sono ancora presenti.

Più di 30 anni dopo la firma da parte di George H.W. Bush di una legge che definiva il mese di maggio 1990 il primo “Asian American and Pacific Islander Heritage Month”, gran parte della storia americana asiatica rimane sconosciuta a molti americani, inclusi molti americani asiatici stessi.

Spesso la storia asiatico-americana insegnata a scuola è limitata a pochissimi eventi-chiave come il Chinese Exclusion Act del 1882 e l’incarcerazione di persone di origine giapponese durante la Seconda guerra mondiale, e quella versione “ridotta” raramente include i quasi 50 altri gruppi etnici che compongono il gruppo in più rapida crescita negli Stati Uniti nei primi due decenni del Ventunesimo secolo.

Per molti la mancanza di consapevolezza è stata evidenziata solo dopo la sparatoria di Atlanta il 16 marzo scorso, episodio che ha causato la morte di 6 donne di origine asiatica. Gli omicidi si inseriscono in una tendenza più ampia di violenza contro gli asiatici che non viene vista o definita come un crimine d’odio. 

Se questa sparatoria ha rappresentato il picco di oltre un anno di denunce di molestie e discriminazioni anti-asiatiche, la tragedia fa anche parte di una storia di oltre 150 anni di razzismo e violenza anti-asiatica negli Stati Uniti.

Los Angeles, 24 ottobre 1871

Quest’anno ricorre il centocinquantesimo anniversario di uno dei più importanti linciaggi di massa della storia americana. La carneficina scoppiò a Los Angeles il 24 ottobre 1871, quando una folla di 500 persone fece irruzione nel quartiere cinese della città. Alcune vittime furono colpite e accoltellate, altri impiccati a una forca improvvisata. Furono 19 i corpi mutilati adagiati sulle strade di Los Angeles.

Il linciaggio è un termine più spesso associato alla violenza contro gli afroamericani nel sud, soprattutto nel dopoguerra. Ma l'odio razziale non è mai stato messo in quarantena in una zona dell’America o confinato a un singolo gruppo etnico. A Los Angeles nel 1871, le vittime furono immigrati cinesi. Le loro morti facevano parte di un'ondata di violenza anti-asiatica che ha travolto l’ovest americano del Diciannovesimo secolo e si ripercuote ancora oggi.

Gli immigrati cinesi sono diventati oggetto di abusi non appena sono arrivati in America, a partire dal 1850, nel periodo della corsa all’oro in California. I cercatori d’oro bianchi hanno regolarmente cacciato i minatori cinesi, mentre i legislatori statali li hanno schiaffeggiati con una onerosa tassa sui minatori stranieri. Insieme ai neri americani e ai nativi americani, è stato loro vietato di testimoniare contro i bianchi nei tribunali della California.

Di conseguenza, le aggressioni ai cinesi in California sono rimaste generalmente impunite. Alla radice di questa sinofobia c’era la minaccia lavorativa, facilmente percepibile. Nel 1870, gli immigrati cinesi rappresentavano circa il 10% della popolazione californiana e un quarto della forza lavoro nello stato. Ovunque gli immigrati cinesi si radunassero in gran numero, i lavoratori bianchi vedevano un rischio nei loro confronti. E si mobilitarono contro i datori di lavoro, comprese le società ferroviarie e i ricchi allevatori, che avevano immigrati cinesi sul loro libro paga.

Le campagne contro gli immigrati cinesi erano ben organizzate. Negli anni dell'immediato dopoguerra sorsero i cosiddetti club anti-coolie. La Central Pacific Anti-Coolie Association, tra le altre, ha sostenuto il divieto dell'immigrazione cinese e ha difeso i vigilanti bianchi. Nel 1867, una folla di lavoratori bianchi cacciò i lavoratori cinesi da un cantiere di San Francisco, ferendone 12 e uccidendone uno. L'Associazione Anti-Coolie si è radunata in difesa della folla e ha ottenuto il rilascio di tutti i colpevoli. Questo sarebbe diventato un tema ricorrente: lesioni e morte per gli immigrati cinesi, esonero per i loro aggressori.

The Argument Of Nationality. Excited Mob: "We don't want any cheap-labor foreigners intruding upon us native-born citizens." Cartoon censuring the intolerance which disguised itself as patriotism in anti-Chinese sentiments. Cartoon depicts Irish, German, Italian and African-American citizens lynching a Chinese man. Circa 1880. Foto: CAAM (Center for Asian American Media).

L'assalto che ebbe luogo a Los Angeles il 24 ottobre 1871 fu il più grande e mortale di tutti gli attacchi. Circa 500 rivoltosi – anglo-americani e residenti ispanici allo stesso modo – sono stati caricati nel distretto cinese della città dopo che una sparatoria tra sospetti membri di una banda cinese e le autorità locali aveva provocato la morte di un ex barista bianco e il ferimento di un poliziotto. Mentre la folla si avvicinava, i residenti cinesi pietrificati si rifugiarono in un lungo edificio di mattoni nel cuore di Chinatown.

Seguirono due ore di uccisioni indiscriminate. La folla ha sfondato le porte dell'edificio e ha sequestrato uomini e ragazzi cinesi nascosti all'interno, solo uno dei quali aveva partecipato allo scontro a fuoco. I rivoltosi hanno mutilato e ucciso praticamente qualsiasi cinese che riuscivano a trovare. Quando la folla ha esaurito le corde appese, hanno usato le corde per i panni per impiccare le loro vittime.

La folla alla fine ha causato 19 vittime, tra cui un medico e un adolescente. Tutti i corpi tranne due sono stati trasferiti nel cortile della prigione della città, dove amici e familiari hanno cercato i loro cari tra le file di morti. Il bilancio delle vittime ha rappresentato il 10% della popolazione cinese della città. 8 persone furono condannate per omicidio colposo, ma un anno dopo furono scagionate.

Giugno 1974, la storia di Chol Soo Lee

Nel giugno 1974, Chol Soo Lee, un giovane immigrato coreano, fu ingiustamente condannato all'ergastolo per un omicidio nella Chinatown di San Francisco. Mentre scontava la pena in una prigione di stato, Lee fu condannato a morte nel maggio 1979 con l'accusa di omicidio di primo grado per essersi difeso durante un'aggressione armata in un cortile di una prigione, aggressione fatta da un membro della banda della Fratellanza ariana.

Due anni prima, nel 1977, il giornalista investigativo della Sacramento Union K.W. Lee iniziò a far luce su un'indagine della polizia e sul successivo processo per l'omicidio di Chinatown. Il suo impegno investigativo ha generato un ampio sostegno e la nascita del movimento Free Chol Soo Lee, che ha riunito diversi gruppi di immigrati e asiatici nati in America in una causa comune di giustizia e libertà per Lee.

Gli sforzi del movimento Free Chol Soo Lee alla fine portarono a un nuovo processo del caso di omicidio di Chinatown, in cui una giuria assolse Lee nel settembre 1982. Nonostante questa assoluzione, Lee rimase nel braccio della morte a San Quentin. Tuttavia, di fronte alla prospettiva di spese legali elevate e all'incertezza di un altro processo, Lee accettò un declassamento dell'accusa di omicidio di secondo grado senza ammissione di colpa e fu rilasciato dal braccio della morte di San Quentin il 28 marzo 1983.

Il movimento Free Chol Soo Lee ha messo in luce anche la politicizzazione e l'emancipazione dei giovani che hanno costituito la spina dorsale di questo incredibile movimento panasiatico. Molti di questi giovani attivisti hanno proseguito con illustri carriere nel servizio pubblico guidati da una visione del cambiamento sociale e della giustizia. La storia del movimento Free Chol Soo Lee ci fornisce importanti insegnamenti per immaginare nuove e diverse possibilità per il nostro presente e futuro, in particolare in relazione ai movimenti sociali di oggi.

Gli Asiatici in California, ora

La popolazione asiatica della California è cresciuta del 25% nell'ultimo decennio, diventando il gruppo etnico in più rapida crescita nello stato più popoloso della nazione, secondo i nuovi dati del Census Bureau.

La popolazione bianca della California è crollata del 24% tra il 2010 e il 2020, confermando che la California è uno dei tre stati, insieme al New Mexico e alle Hawaii, in cui i bianchi non sono il gruppo etnico più numeroso.

Gli ispanici hanno superato i bianchi come il più grande gruppo etnico della California nel 2014. I dati del censimento mostrano che la popolazione ispanica della California è cresciuta dell'11% a 15,5 milioni di persone, costituendo poco meno del 40% dei quasi 40 milioni di residenti dello stato.

Ma è stata la popolazione asiatica ad avere il maggior guadagno percentuale negli ultimi dieci anni. La California ora ha più di 6 milioni di persone di origine asiatica, più della popolazione totale della maggior parte degli altri stati.

10 anni fa, nessuna delle 58 contee della California contava gli asiatici come gruppo etnico più numeroso. Ora sono due: la contea di Alameda, che comprende le città di Oakland e Berkeley, e la contea di Santa Clara, sede di San José, decima città più popolosa della nazione e capitale tecnologica della Silicon Valley.

La crescita della popolazione asiatica della California ha portato a un crescente potere politico per la comunità, anche all'inizio di quest’anno quando il governatore democratico Gavin Newsom ha nominato Rob Bonta primo procuratore generale filippino-americano dello stato.

La legislatura statale ora ha 14 abitanti delle isole asiatiche del Pacifico, un numero che salirà a 15 una volta che si terranno le elezioni speciali per riempire un posto vacante della contea di Alameda nell'Assemblea statale.

L’aumento della presenza asiatica in politica ha coinciso con un aumento dei crimini d'odio contro gli asiatici. Un rapporto dell'ufficio del procuratore generale della California a giugno ha rivelato 89 crimini d’odio contro gli asiatici nel 2020, più del doppio rispetto al 2019.

La maggior parte degli eventi è stata registrata a marzo e aprile del 2020, quando la pandemia di coronavirus stava prendendo piede nello Stato. Il nuovo bilancio operativo della California include 156,5 milioni di dollari in risposta agli attacchi alla comunità asiatica, con la maggior parte del denaro che va alle organizzazioni comunitarie che forniscono servizi alle vittime. Circa 10 milioni di dollari andranno a una migliore raccolta dei dati per comprendere meglio le esigenze e le sfide della comunità.

I carteggi di Jefferson sono e rimarranno sempre gratuiti. Se vuoi sostenere il lavoro della redazione…

Offrici un caffè